meditazione

Ho fatto il mio primo corso di meditazione a ottobre del 2009. Perché? Perché sapevo che era per me, ci sono aspetti della mia vita che sono sempre stati presenti, dovevo solo portarli in superficie ma erano già lì. Il vegetarianismo e la meditazione certamente definiscono aspetti di me.

E una volta appresa la mia prima tecnica le domande…Sto facendo la cosa giusta? Cos’è esattamente la meditazione? Dove mi porta?

Così ho iniziato a studiare, dapprima con entusiasmo e poi con metodo. Ancora oggi uno/due libri di meditazione l’anno ci sono anche se noto che sta diventando moda ed è raro trovare contenuti interessanti, nuovi e seri.

Un must da leggere per solidità degli studi é ‘’Altered Traits’’, tradotto malissimo in italiano come ‘’La meditazione che cura’’ quando nel testo viene scritto più volte e chiaramente che la meditazione NON cura.

Al contempo grandi università stanno dando spazio alla meditazione, la UCLA ha reso disponibili gratuitamente su internet delle lezioni di medicina che trattano dei benefici della meditazione.

La meditazione è una pratica, si fa. Non c’è modo di parlare di meditazione, si deve praticare con regolarità. Il suo valore in effetti si misura in ore, dopo le 1000 ore di meditazione una persona ha il diritto di dire che sa meditare decentemente. Dopo le mille ore il cervello di quella persona ha sviluppato tratti che lo rendono diverso dagli altri.

I grandi meditatori hanno anche 30mila o 50mila ore di meditazione in attivo; una vita intera passata in meditazione, non alla nostra portata eppure ci sono, donne e uomini.

Ci sono tante scuole di meditazione, dal Sud-Est asiatico alla Siberia passando per India, Cina e Giappone. Ne ho studiate e ne so praticare tre, la meditazione sul respiro, la meditazione sulla presenza e la meditazione sulla ripetizione con l’importante variante della meditazione sulla benevolenza (Metta Meditation).

La meditazione è uno spazio privato, uno spazio personale dove stare con se stessi e stare bene. All’inizio si impara a stare da soli, grande conquista!!!

Poi si diventa capaci di concentrazione e di lasciar andare tutti gli stimoli superflui. Vi rendete conto di essere troppo facilmente distraibili? Imparate a meditare.

Vi rendete conto che vorreste essere più capaci di raggiungere i vostri obiettivi? Praticate la meditazione. Vorreste avere degli spazi vostri per riflettere su di voi? Imparate a meditare.

La meditazione porta a maggiore tranquillità, a sviluppare tolleranza e gentilezza, la meditazione può portare a illuminazioni, momenti di felice presenza dove si sta bene con se stessi. La meditazione porta a saper orientare meglio la propria vita.

La meditazione non cura, non è una medicina. Ma è uno strumento per imparare a vedere e a vedersi, è uno strumento che ci permette di stare bene.